top of page
MOVIMENTO-TERRA_edited.png

Corso per Addetti Macchine Movimentazione Terra

Obiettivo:
Il corso nasce con lo scopo di informare e formare gli addetti alle macchine per la movimentazione della terra. Come previsto dal D.Lgs.81/08 all’art.73 e dall’accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012, per l’utilizzo di macchine movimento terra, (Escavatori idraulici, Escavatori a fune, Pale caricatrici frontali, Terne, Autoribaltabile a cingoli) necessitano di un’abilitazione specifica. 

 Programma Del Corso

La durata del corso di formazione per il conseguimento dell’Abilitazione all’uso di macchine movimento terra è di:

  • 10 ore per gli escavatori idraulici

  • 10 ore per gli escavatori a fune

  • 10 ore per le pale caricatrici frontali

  • 10 ore per le terne

  • 10 ore per gli autoribaltabili a cingoli

  • 16 ore per gli escavatori idraulici, pale caricatrici frontali e terne(corso MMT completo)

 

Il corso MMT completo non prevede comunque l’abilitazione all’uso di escavatori a fune ed autoribaltabili a cingoli per i quali sono previsti corsi a parte.

Il corso di formazione sarà articolato attraverso un modulo TEORICO (giuridico-normativo e tecnico, relativo all’uso in sicurezza dell’attrezzatura e ai rischi ad essa connessi) ed uno PRATICO nel quale si svolgeranno le esercitazioni con le attrezzature oggetto del corso.

Modulo Giuridico – Normativo (1 ora)

  • Presentazione del corso. Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai lavori in quota ed all’uso di attrezzature di lavoro per lavori in quota (D.Lgs. n. 81/2008). Responsabilità dell’operatore.

 

Modulo Tecnico (3 ore)

  • Categorie di attrezzature: i vari tipi di macchine movimento terra e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche, con particolare riferimento a escavatori, caricatori, terne e autoribaltabili a cingoli.

  • Componenti strutturali: struttura portante, organi di trasmissione, organi di propulsione, organi di direzione e frenatura, circuiti di` comando, impianto idraulico, impianto elettrico (ciascuna componente riferita alle attrezzature oggetto del corso).

  • Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione. Visibilità dell’attrezzatura e identificazione delle zone cieche, sistemi di accesso.

  • Controlli da effettuare prima dell’utilizzo; controlli visivi e funzionali ad inizio ciclo di lavoro.

  • Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nel ciclo base delle attrezzature (rischio di capovolgimento e stabilità statica e dinamica, contatti non intenzionali con organi in movimento e con superfici calde, rischi dovuti alla mobilità, ecc.). Avviamento, spostamento, azionamenti, manovre, operazioni con le principali attrezzature di lavoro. precauzioni da adottare sull’organizzazione dell’area di scavo o lavoro.

  • Protezione nei confronti degli agenti fisici: rumore, vibrazioni al corpo intero ed al sistema manobraccio.

 

Modulo Pratico (6 – 12 ore)

A seconda della tipologia di macchine movimento terra, le prove pratiche hanno lo scopo di valutare il corretto utilizzo (addestramento) in sicurezza, verificando il comportamento degli operatori in base a quanto trattato nelle sezioni teoriche. In generale le prove pratiche prevedono l’illustrazione dei vari componenti delle macchine, con riferimento al manuale di uso e manutenzione fornito dal costruttore ed il loro utilizzo pratico simulando il luogo di lavoro e le operazioni tipiche delle macchine oggetto del corso di formazione. La prova pratica per l’utilizzo delle macchine per movimento terra viene organizzata in un campo prove ovvero un terreno aperto dove vengono svolte le singole prove di ogni mezzo. Ad esempio, nella pratica con gli escavatori idraulici, verranno simulate tutte le varie lavorazioni che questa macchina può effettuare: scavo a trincea, sistemazione del terreno, carico sul mezzo di trasposto, lavoro in pendenza ecc. Nella pratica con le pale caricatrici frontali le prove saranno: carico del terreno, scavo di sbancamento, scavo e sistemazione delle pendenze di una strada ecc.

 

Valutazione 

Al termine dei due moduli teorici si svolgerà una prova scritta di verifica dell’apprendimento con l’utilizzo di un questionario a risposta multipla. La prova si intende superata con almeno l’80% delle risposte esatte. L’operatore che supererà la prova potrà proseguire il corso affrontando il modulo pratico, altrimenti dovrà frequentare nuovamente i due moduli teorici. Al termine del modulo pratico, avrà luogo una prova di verifica finale, consistente nell’utilizzo in sicurezza delle macchine e delle attrezzature di sollevamento oggetto del corso, mediante operazioni tipiche delle attrezzature di lavoro in esame. Il mancato superamento della prova pratica di verifica finale comporta l’obbligo di ripetere il modulo pratico. L’esito positivo di entrambe le prove di verifica dell’apprendimento teorico e pratico consente il rilascio del relativo attestato di abilitazione

Contattaci:

Richiedi un preventivo gratuito

bottom of page